Scroll Top

Pane marocco di Montignoso

Pane dai sapori decisi della tradizione contadina di Montignoso, nasce nel XVII secolo dalla necessità di utilizzare la farina di mais in sostituzione a quella di grano, troppo costosa all’epoca.

La scelta del nome “Marocco” viene attribuita da molti alla similitudine del colore scuro della crosta con la pelle degli abitanti del paese africano. La sua lunga storia e il forte legame con la tradizione locale, ne hanno decretato l’inserimento nell’elenco dei prodotti agro-alimentari tradizionali (PAT).

Il pane marocco si presenta in invitanti pagnotte rotonde dalla superficie scura e dorata e dalla mollica giallo-oro. L’impasto, a base di farina di mais, farina di frumento e lievito di birra, è arricchito con olive nere, peperoncino tritato, aglio, olio evo, salvia e rosmarino e cotto in forno a legna su foglie di castagno.

Attualmente è preparato da due o tre produttori della zona il martedì e il venerdì, mentre un tempo la sua produzione era legata alla raccolta delle olive che avveniva nel periodo compreso tra novembre e gennaio.